Laboratorio di Trascodifica della Percezione del Colore    Stampa questo documento dal titolo: . Stampa

L'Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, Sezione Provinciale di Bari, informa che sono ufficialmente indette le iscrizioni al Laboratorio di Trascodifica della Percezione del Colore in Sensorialità Alternative. Qualche mese fa, durante uno degli incontri letterari dal titolo "Le donne e i poeti si raccontano", è emerso un desiderio comune: poter sperimentare un’ipotetica trascodifica della percezione dei colori. Una delle ragazze presenti ha posto una semplice domanda: "Perché non posso indossare la maglia blu sui pantaloni neri? Cosa vuol dire che questi due colori non stanno bene insieme?". Questo quesito ha destato nei presenti la volontà di dibattere su questo argomento, di condividere questa coatta "incognita esperienziale" causata dal non poter più percepire o dal non aver mai percepito i colori. Dopo questo incontro, una delle rappresentanti più fattive del Settore Pari Opportunità, Carlotta Labombarda, ha condotto una brillante ricerca sull’esperienza, da parte di videolesi, nel campo della percezione dei colori. L’unico risultato interessante di tale indagine si è rivelato essere il Kit 11, esito finale della ricerca condotta da una docente dell’Università di Mantova, Lidia Beduschi. Il kit11 vuol essere uno strumento utile al mondo dei non vedenti primari e secondari. Il progetto si basa sui recenti risultati delle neuroscienze e degli studi sulla sinestesia  (l’azione contemporanea e integrata dei diversi sensi nelle percezioni e nell’apprendimento) ed ha portato alla creazione di un vero e proprio codice sinestetico dei colori. Il kit cartonato è composto di undici fogli, uno per ciascun colore, che al tatto rilasciano l'odore codificato per ciascun colore (c'è un "odore nero", un "odore giallo" ecc.); ogni foglio porta impresso il "segno" del colore costruito convenzionalmente con una puntinatura di tipo Braille. Completano il kit, legato a ganci metallici, undici fogli pretagliati che forniscono le tessere indispensabili agli esercizi di manipolazione, costruzione di sequenze colorate, relazione colore/odore/suono. Alla realizzazione del kit è legato il sito www.odorisuonicolori.it che costituisce parte integrante della pubblicazione. Il prodotto, secondo indicazioni spontanee di specialisti della riabilitazione, può risultare di gran lunga efficace anche in molte altre aree di handicap, sia sensoriali sia neurologiche, oltre che psichiche (recupero tossicodipendenti, anziani, anche in via preventiva, pazienti psichiatrici) e in numerose situazioni di deficit sensoriale. Il kit11 è uno strumento didattico che permette di imparare un codice dei colori condiviso da tutti i non vedenti e, in ugual misura, dai vedenti. Nel mese di marzo scorso, la stessa Carlotta Labombarda ha deciso di richiedere una copia del kit per farne personalmente esperienza e verificarne la validità. Ciò che l’ha più colpita è stata la reazione dei soci U.I.C.I. ai quali ha proposto il kit. Hanno avuto tutti il suo stesso entusiasmo e una grande gioia nel sentirsi, in qualche modo, parte del mondo dei colori. Da questo riscontro positivo è nata l’idea di proporre un laboratorio di sperimentazione del kit11, all’interno del palinsesto delle attività U.I.C.I. di Bari. Il laboratorio si rivolgerebbe ad un numero massimo di dieci persone non vedenti e/o ipovedenti, senza distinzione di età e sesso.Lo stesso, della durata di circa dieci incontri, avrebbe come obiettivo finale la creazione di dieci quadri a colori, realizzati utilizzando le tessere del kit. Le opere, che avranno come tema "Le quattro stagioni", verranno esposte in occasione di una mostra organizzata nella città di Mantova dall’editore del kit Silvano Negretto. Per favorire la partecipazione del maggior numero di persone all’esposizione, il signor Negretto si è detto disponibile a donare, all’U.I.C.I. di Bari, alcune copie del kit, per la realizzazione delle opere. Chiunque voglia prendere parte al suddetto laboratorio può comunicare la propria adesione telefonicamente a Carlotta La Bombarda, cell. 347 23 70 183 o a Rossella Stallone, cell. 331 62 62 420. I primi dieci che comunicheranno la propria adesione saranno ufficialmente iscritti al suddetto laboratorio sperimentale, tenuto da Carlotta Labombarda. Quest'ultimo si terrà ogni sabato, a partire dalle 16.30. Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Sezione Provinciale di Bari Telefono e fax 0805429082 - 0805429058 E-mail: uicba@uiciechi.it

Pubblicazione del: 08-10-2011
nella Categoria Informazione


« Precedente   Elenco   Successiva »


Titolo Precedente: Giovedì 13 ottobre Giornata Mondiale della Vista

Titolo Successivo: Lunedì 24 ottobre Assemblea dei Quadri Dirigenti

Elenco Generale UIC Notizie


LOGIN

  

Registrati

Recupera Password